Pagine

lunedì 26 gennaio 2009

Monitor 3D: meglio Planar o True3Di ?

Ogni tanto mi viene chiesto quale sia il monitor migliore per la stereoscopia 3D, ed allora oggi vi dico cosa penso dei due tipi di monitor 3D che vanno per la maggiore e che conosco meglio. Mi riferisco in questo post ai monitor LCD per stereoscopia della Planar e della True3Di. Ne abbiamo forniti abbastanza a clienti di diverso tipo, ed ho potuto farmi un'idea dei casi in cui sia preferibile l'uno rispetto all'altro.

Il Planar è quello con due schermi LCD sopra e sotto ed uno specchio "mobile" in mezzo, mentre il True3Di è lo scatolone nero con i due LCD incastonati all'interno ed uno specchio "fisso" in mezzo. Quando parlo di "specchio" intendo un vetro trasparente, che però riflette l'immagine visualizzata dallo schermo superiore.
In entrambi i casi la visione stereoscopica si attiva accendendo entrambi i monitor ed usando degli apposti occhiali polarizzati. Per saperne di più su come sono fatti potete leggere un vecchio post che ho scritto l'anno scorso.

Arrivo subito al dunque: tra i due, il Planar è sicuramente più carino esteticamente. Lo specchio mobile permette di usarlo come un normale monitor quando non si lavora con software stereoscopici, e la base d'appoggio lascia spazio sulla scrivania per metterci comodamente la tastiera ed il mouse, o ancora meglio uno strumento come il topomouse che semplifica tutta una serie di operazioni in 3 dimensioni.
Il True3Di è invece più ingombrante, somiglia al brionvega di mia nonna per quanto è nero e tozzo, e poiché lo schermo principale è sulla parete di fondo della scatola (l'altro è sulla parte alta) dà la sgradevole sensazione di dover guardare dentro la scatola ed avere una barriera fisica (il vetro frontale del monitor) tra la propria faccia e lo schermo stesso. Il che non è fantastico, soprattutto perchè se nel monitor devono guardarci due persone... bisogna mettersi in fila indiana!

D'altro canto, lo specchio è "fisso" all'interno, e quindi rende l'intera soluzione molto meno fragile rispetto al Planar, il cui specchio mobile è la croce e delizia dei clienti che l'hanno acquistato per allestire delle aule didattiche. Il fatto che lo specchio si possa alzare ed abbassare, infatti, se da un lato garantisce una grande versatilità, dall'altro espone lo specchio stesso ai maltrattamenti di operatori poco scaltri. Mettetelo in un'aula corsi, insomma, e preparatevi a dover sostituire qualche specchio prima o poi (+ 7 anni di sventura per l'operatore che lo rompe..).

Questo è il motivo per cui mi sento di dare il seguente consiglio: per chi deve allestire un'aula con tante postazioni, per fare dei corsi o perchè deve mettere una squadra di fotointerpreti ad estrarre features da centinaia di blocchi, allora è meglio il True3Di, molto più robusto ed a prova di "giocherellone".

Il Planar è invece indicato per chi ha bisogno di una o più postazioni di lavoro ben attrezzate, che magari prevedano l'uso del topomouse e che permettano a due-tre persone contemporaneamente di guardare le immagini stereo sul monitor, ed infine che non debbano essere destinate per la totalità del tempo alla visione 3D. Può essere questo il caso, ad esempio, di un utente che utilizza ERDAS Imagine per l'elaborazione di immagini satellitari e che occasionalmente attiva il modulo Stereo Analyst per l'estrazione di features dalle stereocoppie. In questo caso senza ombra di dubbio è meglio il Planar.