Pagine

lunedì 21 aprile 2008

WorldView-1

Digitalglobe ha avviato la commercializzazione delle immagini acquisite dal satellite WorldView-1, di cui abbiamo già avuto modo di apprezzare l'elevata risoluzione nelle immagini in anteprima disponibili dallo scorso autunno.
Quella a fianco, ad esempio, è un'immagine acquisita su Addis Abeba, in Etiopia, lo scorso 5 Ottobre 2007, durante la fase di cosiddetto commissioning.
WorldView ha una risoluzione di 55 cm al suolo, nella modalità Pancromatica (l'unica disponibile), un tempo di rivisita di circa 5 giorni ed uno swath (che si può intendere come l'ampiezza delle strisciate) di circa 17 chilometri.
I prezzi indicati da Eurimage sono gli stessi di QuickBird, quindi 21 Dollari USA per chilometro quadro per i dati di nuova acquisizione. Quando saranno disponibili (ci vorrà un anno o più) i dati d'archivio, costeranno un 20% in meno.
Li vedremo presto su Google Earth, così come i dati QuickBird? Secondo me la risposta del pubblico potrebbe essere fredda, perchè sostituire le belle immagini a colori di QuickBird attualmente disponibili con i dati WorldView, anche se più aggiornati e con una risoluzione leggermente superiore, costringerebbe a visualizzare il territorio con immagini in bianco e nero.
E se dal punto di vista scientifico questi dati hanno un'indubbia valenza, non altrettanto potrà dirsi sotto l'aspetto edonistico. Staremo a vedere.